HAGUE PRESS CONFERENCE ON DOUMA CHEMICAL ATTACK: DETAILS, EVIDENCE, REACTION

Russian and Syrian officials as well as witnesses of the alleged chemical attack that took place in Syria’s Douma on April 7, held a press conference in The Hague on April 26.

HINT: The US, the UK and France used the April 7 incident in Douma to justify their April 14 missile attack on Syria. MORE HERE

The preess conference included “Presentation by the representative of the Ministry of Defence of the Russian Federation with direct participants of the fake video produced by ‘White Helmets’ on 7th April 2018, in the Hospital of Douma”.

Hague Press Conference On Douma Chemical Attack: Details, Evidence, Reaction

Click to see the full-size image

Major-General Igor Kirillov, the head of Russia’s Nuclear, Biological and Chemical Protection Troops, provided the following info:

  • Russian experts had performed “a detailed analysis of the information on the ground”.
  • No people injured or killed in the alleged chemical attack found.
  • No witnesses that the alleged chemical attack took place found.
  • Two gas cylinders, allegedly dropped by the government forces from helicopters, were found. The cylinders and the damage they supposedly caused did not fit the story of an airstrike entirely.

For example, one of the cylinders was not damaged:

Hague Press Conference On Douma Chemical Attack: Details, Evidence, Reaction

Click to see the full-size image

Hague Press Conference On Douma Chemical Attack: Details, Evidence, Reaction

Click to see the full-size image

Hague Press Conference On Douma Chemical Attack: Details, Evidence, Reaction

Click to see the full-size image

  • The cylinder was likely hauled by the “authors of the staged video”.
  • The owner of the apartments where the cylinder was found pointed out that nobody had been there during the alleged chemical attack. No injured or killed people were found.
Hague Press Conference On Douma Chemical Attack: Details, Evidence, Reaction

Click to see the full-size image

  • An apartment below the rom with the cylinder was being used by its owner to breed chickens and all the livestock “made through the so-called chemical attack alive”.
  • Russian servicemen also “uncovered a booby-trapped chemical laboratory and chemical stockpile in the city of Douma, which was liberated from the militants. They’ve been presumably used by the terrorists to manufacture toxic substances”.
Hague Press Conference On Douma Chemical Attack: Details, Evidence, Reaction

Click to see the full-size image

  • A cylinder similar to that filmed as a confirmation of the allged chemical attack was found in the militants’ laboratory.
Hague Press Conference On Douma Chemical Attack: Details, Evidence, Reaction

Click to see the full-size image

Witnesses:

  • Russia brought a total of 17 witnesses of the incident, including 11-year-old Hassan Diab [filmed in the White Helmets video] and the Douma hospital staff, to The Hague;
  • Hassan Diab, his father and hospital staff participated in the press conference;
  • OPCW technical experts interviewed only 6 of 17 witnesses;

Hassan Diab:

Hague Press Conference On Douma Chemical Attack: Details, Evidence, Reaction

Hassan Diab during the “chemical attack” and after. Click to see the full-size image

According to witnesses:

  • Hospital staff: Some of the patients experienced respiratory problems but they were caused by heavy dust after the airstrikes. People filming the White Helmets’ video and screaming about chemical attack were not hospital staff or injured persons.

“There were people unknown to us who were filming the emergency care, they were filming the chaos taking place inside, and were filming people being doused with water. The instruments they used to douse them with water were originally used to clean the floors actually,” Ahmad Kashoi, an administrator of the emergency ward, said. “That happened for about an hour, we provided help to them and sent them home. No one has died. No one suffered from chemical exposure.”

  • Hassan Diab and his father: Hassan was not affected by the chemical attack and was de-facto forced to participate in the video filming.

“We were at the basement and we heard people shouting that we needed to go to a hospital. We went through a tunnel. At the hospital they started pouring cold water on me,” the boy told the press conference.

Russian Permanent Representative to the OPCW Alexander Shulgin said that the entire event shown in the MSM was staged. He also criticized the OPCW attitude towards the witnesses of the April 7 incident:

“The others were ready too [for being interviewed], but the experts are sticking to their own guidelines. They’ve picked six people, talked to them, and said they were ‘completely satisfied’ with their account and did not have any further questions.”

Shulgin emphasized that new false-flag operations against Damascus are “possible, since our American partners are once again threatening to take military action against Syria, but we will not allow that.”

“We urge the OPCW technical secretariat and experts to make use of their time in Syria and examine the undercover underground chemical laboratories of the militants, the terrorists, who used them, as we believe, to produce chemical munitions, including those used for all kinds of false flag attacks,” Shulgin added.

After the briefing, Syria’s deputy envoy to the OPCW Ghassan Obaid once again pointed out, called on the OPCW to inspect the captured sites where chemical weapons and toxic materials were discovered.

The OPCW fact finding mission visited two sites in Duma, where chemical weapons were allegedly used on April 7. The OPCW visited these sites on April 21 and 25 collecting samples there.

The full video in English:

Reaction:

  • The US, the UK, France and their allies boycotted the event.
  • The UK’s ambassador to the OPCW branded the press conference a “stunt”. “The OPCW is not a theatre. Russia’s decision to misuse it is yet another Russian attempt to undermine the OPCW’s work,” he said.
  • “This obscene masquerade does not come as a surprise from the Syrian government, which has massacred and gassed its own people for the last seven years,” France’s ambassador to the Netherlands, Philippe Lalliot said.
  • The US has not commented on the press conference. However, State Department spokesperson Heather Nauert ‏accused Russia and Syria of undermining the OPCW’s fact finding mission work in Douma.
Share on Facebook

I militari siriani scoprono una grande quantità di armi prodotte dalla NATO a Douma (video)

I militari siriani scoprono una grande quantità di armi prodotte dalla NATO a Douma (video)

BEIRUT, LIBANO (4:30 PM) – Un’operazione di sminamento ha visto il ritrovamento di centinaia di esplosivi a Douma, a seguito della liberazione della città dai militanti di Jaysh al-Islam.

Secondo il Centro di riconciliazione russo per la Siria, gli sminatori siriani hanno finora individuato e disinnescato un totale di 1,2 mila mine, 1,5 tonnellate di materiale esplosivo e quattromila ordigni esplosivi fatti in casa.

Il centro ha anche riferito che un arsenale lasciato dai militanti includeva mine terrestri con i marchi dei produttori dei paesi membri della NATO. Video Al Masdar

Il processo di sminamento di Douma dovrebbe durare almeno tre mesi dall’inizio alla fine, ha detto il Centro russo per la riconciliazione delle parti opposte in Siria.

Il ministero della Difesa russo ha dichiarato che l’evacuazione di oltre 21.000 miliziani e membri della loro famiglia si è conclusa il 13 aprile.

Fonte: AL Masdar News

Share on Facebook

Degenerazione e fondamentalismo nel controllo dei media occidentali

di Andre Vltchek

Non c’è nulla di più triste e patetico di un famigerato bugiardo che urla, sputa saliva, insulta le persone normali a destra e sinistra, mentre terrorizza coloro che stanno dicendo la verità.
Ultimamente, l’Occidente è diventato chiaramente furioso. Più ha paura di perdere il controllo sul cervello di miliardi di persone in tutti gli angoli del mondo, più aggressivamente urla, prende a calci e si prende gioco di se stesso.

Il Nuovo Ordine Mondiale non nasconde nemmeno più le sue intenzioni. Le intenzioni sono chiare: distruggere tutti i suoi avversari, siano essi in Russia, Cina, Iran o in qualsiasi altro stato patriottico e indipendente. Silenziare tutti i media che stanno dicendo la verità; non è la verità così come è definita a Londra, Washington, Parigi o Berlino, ma la verità è percepita a Mosca, Pechino, Caracas o Teheran; la verità che serve semplicemente la gente, non la falsa, pseudo-verità inventata per sostenere la supremazia dell’Impero occidentale.

Sono stati ora stanziati enormi fondi per l’assalto mortale della propaganda, originatosi prevalentemente a Londra e Washington. Milioni di sterline e dollari sono stati assegnati e spesi, ufficialmente e apertamente, per “contrastare” le voci di russi, cinesi, arabi, iraniani e latinoamericani; voci che stanno finalmente raggiungendo gli “Altri” – gli abitanti desolati del “sud globale”, gli abitanti delle colonie e delle neo-colonie; gli schiavi moderni che vivono negli stati “client”.
La maschera sta cadendo e la faccia cancrena della propaganda occidentale viene esposta nella sua realtà. È terribile, spaventosa, ma almeno è quello che è, perché tutti possano vederla. Niente più suspense, niente sorprese. All’improvviso è tutto allo scoperto. È spaventoso ma onesto. Questo è il nostro mondo Questo è quanto è diminuita la nostra umanità. Questo è il cosiddetto ordine mondiale, o più precisamente neocolonialismo.

Manipolazione dei media

L’Occidente degli imperialisti anglo-USA sa come massacrare milioni e sa come manipolare le masse. La sua propaganda è sempre stata dura (e ripetuta mille volte, non diversamente dalle pubblicità aziendali o dalle campagne di indottrinamento fascista della Seconda Guerra Mondiale) quando è originaria degli Stati Uniti, o brillantemente machiavellica e letalmente efficace quando viene dal Regno Unito. Non dimentichiamolo mai: il Regno Unito ha assassinato e ridotto in schiavitù centinaia di milioni di esseri umani innocenti e molto più avanzati, per molti lunghi secoli e in tutto il mondo. A causa del suo talento nel lavaggio del cervello e nella manipolazione delle masse, la Gran Bretagna ha fatto innumerevoli genocidi,

Il regime occidentale sa mentire, spudoratamente ma professionalmente, e soprattutto, perpetuamente. Ci sono migliaia di menzogne ​​accatastate l’una sull’altra, con perfetti accenti “educati” di classe superiore: bugie su Salisbury, sul comunismo, la Russia, la Cina, l’Iran, il Venezuela, Cuba, la Corea del Nord, la Siria, la Jugoslavia, il Ruanda, Sud Africa, Libia, rifugiati. Ci sono bugie sul passato, sul presente e persino sul futuro.
Nessuno ride, vedendo questi teppisti imperialisti come il Regno Unito e la Francia che predicano, in tutto il mondo e con la faccia seria, sia sulla libertà che sui diritti umani. Non ridere, ancora. Ma molti si stanno lentamente indignando.
Le persone in Medio Oriente, Africa, Asia e America Latina cominciano a rendersi conto di essere state ingannate, ingannate, mentite; che la cosiddetta ‘educazione’ e ‘informazione’ proveniente dall’Occidente non erano altro che spudorate campagne di indottrinamento. Per anni ho lavorato in tutti i continenti, compilando storie e testimonianze sui crimini dell’imperialismo e sul risveglio del mondo, “riassunti” nel mio libro di 840 pagine: ” Exposing Lies Of The Empire “.

Milioni di persone che ora possono vedere, per la prima volta, che i media, come BBC, DW, CNN, Voice of America, Radio Free Europe / Radio Liberty, li hanno codificati senza pietà e per anni e anni. Reuters, AP, AFP e diverse altre agenzie di stampa occidentali (Repubblica, La Stampa, RAI, Sky News, ecc..) sono riuscite a creare una narrativa in uniforme per l’intero pianeta, con giornali locali in tutto il mondo che pubblicano ora manipolazioni identiche che provengono da Washington, Londra, Parigi e altre capitali occidentali. Immagini totalmente false su argomenti così importanti come l’Unione Sovietica, il Comunismo, la Cina, ma anche la libertà e la democrazia sono state incise in miliardi di cervelli umani.

La ragione principale dell’apertura degli occhi di persone del mondo che è ancora oppressa dall’imperialismo occidentale, è il lavoro inarrestabile dei media come il New Eastern Outlook (NEO), RT e Sputnik, con sede in Russia, come Cina- ha sede la CGTN, China Radio International e China Daily, TeleSur con sede in Venezuela, Libanese Al-Mayadeen e Iranian Press TV. Certo, ci sono molti altri mezzi di comunicazione anti-imperialisti orgogliosi e determinati in varie parti del mondo, ma quelli sopra citati sono i veicoli più importanti della contro-propaganda proveniente dai paesi che hanno combattuto per la loro libertà e semplicemente hanno rifiutato essere conquistato, colonizzato,

Una potente coalizione anti-imperialista di stati veramente indipendenti si è formata e si è solidificata. Ora sta ispirando miliardi di esseri umani oppressi ovunque sulla Terra, dando loro speranza, promettendo un futuro migliore, ottimista e giusto. Essere all’avanguardia di molti cambiamenti positivi e aspettative è il “nuovo media”.
E l’Occidente sta guardando, inorridito, disperato e sempre più al vetriolo. È disposto a distruggere, uccidere e schiacciare, solo per fermare questa ondata di “ottimismo pericoloso” e lottare per una vera indipendenza e libertà.

Asse della resistenza

Ora ci sono attacchi costanti contro i nuovi media del mondo libero. In Occidente, la RT è minacciata di espulsione, di nuovi e sempre più popolari New Eastern Outlook (NEO), giunta di recente sotto un malvagio attacco informatico da, probabilmente, hacker occidentali professionisti. TeleSur viene periodicamente paralizzato da sanzioni vergognosamente scatenate contro il Venezuela, e lo stesso banditismo si rivolge alla TV della stampa iraniana.

Vedete, l’Occidente può essere responsabile di miliardi di vite in rovina in tutto il mondo, ma non è ancora in grado di affrontare sanzioni, azioni punitive. Mentre paesi come Russia, Iran, Cina, Cuba, Corea del Nord o Venezuela devono “affrontare le conseguenze” principalmente sotto forma di embargo, sanzioni, propaganda, intimidazione diretta, persino bullismo militare, semplicemente per aver rifiutato di accettare la folle dittatura globale occidentale, e per aver scelto la propria forma del governo e del sistema politico oltre che economico.

L’Occidente semplicemente non sembra in grado di tollerare il dissenso. Richiede obbedienza piena e incondizionata al “Pensiero Unico”, ai suoi dogmi, una sottomissione assoluta. Agisce sia come fondamentalista religioso che come teppista globale. E per peggiorare le cose, i suoi cittadini sembrano essere così programmati o così indifferenti o entrambi, che non sono in grado di comprendere ciò che i loro paesi e la loro “cultura” stanno facendo al resto del mondo.

Quando sono intervistato, mi viene spesso chiesto: “il mondo sta affrontando il vero maggiore pericolo dalla Seconda Guerra Mondiale?”

Rispondo sempre “sì”. È perché sembra che sia il Nord America che l’Europa non siano in grado di smettere di costringere il mondo all’obbedienza e alla schiavitù virtuale. Sembrano non voler accettare alcun accordo razionale e democratico sul nostro Pianeta. Sacrificerebbero uno, decine o centinaia di milioni di esseri umani, solo per mantenere il controllo dell’universo? Sicuramente lo farebbero! Hanno già, in diverse occasioni, senza pensarci due volte, senza rimpianti e senza pietà.

La scommessa dei fondamentalisti occidentali, dell’ideologia neoliberista dominante è quella per cui il resto del mondo è molto più decente e molto meno brutale, che non potrebbe sopportare un’altra guerra, un’altra carneficina, un altro bagno di sangue; che piuttosto si arrende, piuttosto rinuncia a tutti i suoi sogni per un futuro migliore, invece di combattere e difendersi da ciò che appare sempre più come un inevitabile attacco militare occidentale.

Tali calcoli e “speranze” dei fanatici occidentali sono falsi. I paesi che ora vengono affrontati e intimiditi sono ben consapevoli di cosa aspettarsi se si arrendono e si arrendono alla pazzia occidentale e ai modelli imperialisti.
La gente sa, si ricorda cosa vuol dire essere schiavi.
La Russia sotto Yeltsin, crollata, saccheggiata dalle multinazionali occidentali, sputata in faccia dai governi europeo e nordamericano; la sua aspettativa di vita era scesa ai livelli dell’Africa sub-sahariana.
La Cina a sua volta sopravvisse a un’agonia inimmaginabile di “periodo di umiliazione”, saccheggiata, saccheggiata e divisa da invasori francesi, britannici e statunitensi.
L’Iran derubato del suo governo legittimo e socialista, dovendo vivere per anni sotto un maniaco sadico, il burattino occidentale, lo scià.
L’intera America “latina“, con le sue venature aperte, con la cultura in rovina, con la religione occidentale costretta a chiudergli la gola; con letteralmente tutti i governi e leader socialisti e comunisti democraticamente eletti o rovesciati, o direttamente assassinati, o quantomeno manipolati dal potere da Washington e dai suoi lacchè.

Protestas anti USA en Venezuela

La Corea del Nord, sopravvissuta a un genocidio bestiale contro i suoi civili, commessa dagli Stati Uniti e dai suoi alleati nella cosiddetta guerra coreana.
Vietnam e Laos, violentati e umiliati dai francesi, e poi bombardati nelle epoche della pietra dagli Stati Uniti e dai loro alleati.
Sud Africa … Timor Est … Cambogia …

Ci sono carceri viventi, relitti di decomposizione, abbandonati dopo gli attacchi mortali occidentali “liberatori”: Libia e Iraq, Afghanistan e Honduras, Indonesia e Repubblica Democratica del Congo, solo per citarne alcuni. Questi servono come avvertimenti per coloro che hanno ancora delle illusioni sulla “buona volontà” occidentale e sullo spirito di giustizia!
Siria … Oh, Siria! Guarda cosa ha fatto l’Occidente in un paese orgoglioso e bello che si è rifiutato di cadere in ginocchio e leccare i piedi di Washington e di Londra. Ma anche, guarda quanto è forte, quanto determinati possono essere coloro che amano veramente il loro paese. Contro ogni previsione, la Siria si è levata in piedi, ha combattuto i terroristi assoldati dall’estero, assieme con gli stranieri e ha vinto, circondato e sostenuto dalla grande coalizione internazionalista! L’Occidente aveva pensato di poter scatenare un altro scenario libico, ma invece ha incontrato un pugno di ferro, i nervi d’acciaio, un’altra Stalingrado. l’imperialissmo occidentale è stato identificato, affrontato e fermato. Ad un costo enorme, ma fermato!

L’intero Medio Oriente sta guardando.

Il mondo intero sta guardando.

Le persone ora vedono e ricordano. Stanno cominciando a ricordare chiaramente cosa è successo a loro. Stanno iniziando a capire. Sono incoraggiati. Comprendono chiaramente che la schiavitù non è l’unico modo di vivere le loro vite.

La coalizione anti-occidentale o più precisamente l’Asse della Resistenza anti-imperialista ed antisionista è ora solido come l’acciaio. Perché è una grande coalizione di vittime, di persone che sanno cos’è lo stupro e cos’è il saccheggio, e quale distruzione completa è. Sanno esattamente cosa viene amministrato dai sostenitori autoproclamati della libertà e della democrazia – dal fondamentalismo culturale ed economico occidentale.
Questa coalizione di nazioni indipendenti e orgogliose è qui per proteggersi, proteggersi a vicenda, così come il resto del mondo.

Manifestazione contro l’imperialismo e per la sovranità dei popoli

Non arrendersi mai, mai tornare indietro. Perché le persone hanno parlato e stanno inviando messaggi chiari ai loro leader: “Mai più! Non capitolare. Non cedere alle intimidazioni occidentali. Combatteremo se attaccati. E noi resteremo, orgogliosamente, con le nostre gambe, qualunque cosa, non importa quale forza brutale dobbiamo affrontare. Mai in ginocchio, fratelli! Non cadremo mai più in ginocchio di fronte a coloro che diffondono il terrore! ”
E i media in questi meravigliosi paesi che resistono all’imperialismo e al terrore occidentali diffondono innumerevoli messaggi ottimistici e coraggiosi.

E l’establishment occidentale imperialista sta osservando, agitandosi e sporcandosi i pantaloni.
Loro, gli imperialisti, sanno che la fine del loro brutale dominio sul mondo si sta avvicinando. Sanno che quei giorni di impunità stanno finendo. Sanno che il mondo giudicherà presto gli anglo-USA ed i loro lacchè , per i secoli di crimini che ha commesso contro l’umanità.
Sanno che la guerra dei media sarà vinta da “noi”, non da “loro”.

Il campo di battaglia è in via di definizione. Con alcune brillanti eccezioni, gli occidentali e i loro media stanno chiudendo le fila, attenendosi ai loro padroni. Come molti altri scrittori, ero stato senza tante cerimonie cacciato da Counterpunch, una delle pubblicazioni sempre più anticomuniste, anti-russi, anti-siriane e anti-cinesi degli Stati Uniti. Dal loro punto di vista, stavo scrivendo per diverse pubblicazioni “sbagliate”. Sono davvero orgoglioso che abbiano smesso di pubblicarmi. Sto bene dove sono: di fronte a loro, mentre sto affrontando altri mezzi di comunicazione di massa in Occidente.
L’estensione del controllo ideologico occidentale del mondo è degenerata, veramente perversa. I suoi media e gli sbocchi “educativi” sono pienamente al servizio del regime.
Ma il mondo si sta svegliando e si confronta con questo fondamentalismo culturale e politico mortale.
È in corso una grande battaglia ideologica. Questi sono tempi eccitanti e luminosi. Niente potrebbe essere peggio della schiavitù. Le catene si stanno rompendo. D’ora in poi, non ci sarà impunità per coloro che hanno torturato il mondo per secoli.
Le loro bugie, così come le loro armature, saranno affrontate e fermate!

*Andre Vltchek è filosofo, romanziere, regista e giornalista investigativo. È un creatore di Vltchek’s World in Word and Images , uno scrittore del romanzo rivoluzionario Aurora e diversi altri libri . Scrive in particolare per la rivista online “New Eastern Outlook”.

Traduzione: Luciano Lago

Share on Facebook